Codice tributo 6031: cos’è, a cosa si riferisce, utilizzo

284

Il codice tributo 6031 si usa per il pagamento dell’IVA nel primo trimestre, tra il 31 marzo ed il 16 maggio, da parte di chi ne è titolare. Qui, in questa pagina, si possono trovare ulteriori informazioni ai suoi riferimenti e su come inserirlo nel modello F24.

A cosa fa riferimento

Il codice tributo 6031 è specifico proprio per il primo pagamento dell’IVA, mentre il secondo ed il terzo richiedono altri codici. Ad usarlo, sono i titolari dell’IVA, dei liberi professionisti, che lo versano, attualmente, online, tramite dei siti specifici o con l’aiuto del commercialista.

Le scadenze del pagamento, possono essere mensili o trimestrali, e quest’ultima cadenza vi ricorrono i contribuenti con ricavi annuali non superiori a 400,000 (per i lavoratori autonomi ed imprese di servizi) o 700,000 (per le altre attività). Se si superano le suddette cifre, la dichiarazione deve essere mensile.

Ad optare per il pagamento trimestrale, a prescindere dal fatturato, possono essere medici, benzinai, titolari di un esercizio pubblico ed autotrasporti, senza un aumento dell’1%, a differenza degli altri contribuenti.

Se si effettuano dei versamenti mensili, la data di scadenza è il 16, mentre chi opta per il versamento trimestrale, deve farlo entro: il 16 maggio, il 20 agosto, il 16 novembre ed il 16 marzo.

Come inserirlo il codice nel Modello F24

Come una buona parte dei codici tributo, il 6031 va inserito nella sezione “Erario”, che a sua volta comprende un’area chiamata “Imposte dirette – IVA – Ritenute alla fonte – Altri tributi e interessi“, nei quali va inserito il codice.

Il contribuente deve compilare le aree:

  • codice tributo, in cui va inserito il numero 6031;
  • anno di riferimento;
  • importi a debito versati, in cui si indica la cifra.

Naturalmente, andranno compilato anche il Totale A, B e la somma dei due. Le altre sezioni, invece, sono da lasciare in bianco.

Se non si paga l’IVA e non si riceve la contestazione dell’Agenzia delle Entrate, si può ricorrere al ravvedimento operoso, il cui versamento comprende l’importo, interessi e una sanzione.

Gli interessi sono pari allo 0,1 %, mentre le sanzioni possono essere 1/12 del minimo, se si esegue il ravvedimento entro un mese dalla sua scadenza prevista, o di 1/10, se effettuato oltre. In questo caso, non bisogna usare il codice tributo 6031, ma l’8904.