Codice tributo 8907: cos’è, a cosa serve e e guida all’uso

77

Il codice tributo 8907 è utilizzato dai contribuenti, all’interno del modello F24, per il versamento della sanzione pecuniaria dell’Irap. Per saperne di più sul suo uso e su come si inserisce nel modello F24, si può continuare a leggere questa pagina.

Cos’è l’Irap e come si calcola

L’Irap è l’Imposta regionale sulle attività produttive, istituita nel 1997, ed è rivolta a società di capitale (Spa, Sapa, Srl), enti che esercitano un’attività commerciali, amministrazioni pubbliche, privati che esercitano attività nell’ambito del commercio o un lavoro autonomo, e produttori agricoli, ma questi ultimi sono se non sono esonerati.

L’importo da versare per questa imposta, si calcola applicando alla base imponibile, ovvero il Valore della Produzione Netta, un’aliquota, che varia a seconda del tipo di attività e della Regione (che può imporre una sua addizionale), ma che è comunque stabilita dall’articolo 16 del Decreto Legislativo numero 446 del 1997, e quella fissa, su base nazionale, è pari al 4,82 %. Si versa nelle stesse modalità dell’Irpef e dell’Ires, ovvero tramite il modello F24.

La sanzione pecuniaria

Nel caso di un ritardo del pagamento della scadenza dell’Irap, i contribuenti potranno versare ogni anno un acconto pari alla somma a debito versata. Entro il 16 giugno è necessario versare un acconto del 40 %, mentre il resto deve essere pagato in una seconda rata, entro il 30 di novembre.

Se il saldo del 16 giugno si paga entro il 16 luglio, l’importo da versare aumenterà dello 0,4 %. Nel caso che il ravvedimento operoso entro due settimane dalla scadenza, l’importo aumenterà solo dello 0,2 %, mentre da quindici a trenta giorni si alzerà del 3 %, dal trentunesimo giorno fino a tre mesi dalla scadenza, la somma crescerà del 3,75 %. Alla sezione, si dovrà aggiungere l’interesse legale, che dal 2015 è dello 0,5 % dell’imposta che si versa in ritardo.

Come inserirlo nel Modello F24

Questa sanzione, nel modello F24 va inserito nella “Sezione Regioni“, ed il contribuente dovrà compilare:

  • il codice regione, disponibile sia sul sito dell’Agenzia delle Entrate che su altri siti online;
  • il codice tributo, dove inserire il numero 8907;
  • l’anno di riferimento;
  • gli importi a debito versati, in cui inserire la somma.

Una volta inseriti tutti i codici, si potrà anche procedere al calcolo del Totale E ed F, per gli importi a debito e a credito nella Sezione Regioni, ed il loro saldo.