Codice tributo 8918: a cosa fa riferimento e come usarlo

53

Tra i molti codici tributo, ve ne sono alcuni che servono a pagare determinate sanzioni, e qui, in questa pagina, è possibile trovare informazioni sul numero 8918, e su come si inserisce nel modello F24.

A cosa fa riferimento

Il codice tributo 8918 si usa, secondo l’articolo 13 del Decreto Legislativo 472 del 1997, per pagare sanzioni per l’IRES, ovvero l’Imposta sul Reddito della Società, che va pagata secondo il calendario IRPEF, ovvero entro il 16 giugno, oppure in due rate, se la somma supera 257,52 euro, di cui il 40 % va pagato sempre entro la data appena citata, mentre il resto entro il 30 novembre del medesimo anno.

Nel caso che il contribuente non sia riuscito a pagare entro questo termini, oppure abbia versato la somma errata, deve pagare una sanzione, che può arrivare al 30 % dell’importo dovuto, se non si ricorre al ravvedimento operoso. Se esso avviene entro due settimana si pagherà lo 0,2% in più della somma, che può salire al 3 %, se il ravvedimento viene fatto tra i quindici e trenta giorni, e del 3,75 %, che si passa da uno a tre mesi. In questo caso, oltre al codice tributo 8918, è previsto anche l’uso del numero 1900, per il pagamento degli interessi.

Come inserirlo nel modello F24

Come quasi tutti codici tributo, anche il numero 8918 va inserito nella sezione “Erario” alle “Imposte Dirette – IVA – Ritenute alla fonte – Altri tributi e interessi“. Di questa area, come per molti altri, andranno solo compilate le colonne del:

  • codice tributo;
  • anno di riferimento;
  • importi a debito versati.

La somma dell’importo, andrà poi inclusa nella somma con il saldo A e B, per ottenere il totale A-B.