Doomsday clock – l’orologio dell’apocalisse: che cos’è e cosa significa?

29

Hai sentito parlare del Doomsday clock , ma non sai di cosa si tratta? In questo articolo troverai tuto ciò che ti serve per approfondire l’argomento. Infatti, di seguito troverai curiosità, caratteristiche, che cos’è, a cosa serve e tanto altro ancora. Continua a leggere per schiarirti le idee.

Doomsday clock: che cos’è?

Il Doomsday Clock, ovvero tradotto in italiano L’orologio dell’apocalisse, è un ideazione degli scienziati del giornale Bullettin of the Atomin Scientist a Chiacago. L’iniziativa è stata lanciata nel 1947, durante la guerra fredda, è si basa sull’ideazione di un orologio immaginario che è capace di misurare l’arrivo e la vicinanza alla fine del nostro pianeta. Nella metafora dell’orologio, la mezzanotte indica la fine del mondo, mentre i minuti prima della mezzanotte ne indicano la vicinanza. Non si sentiva parlare dell’orologio dell’apocalisse da qualche anno, ma adesso è tornato a far parlare di sé. Infatti, è stato annunciato che questo anno le lancette sono posizionate a soli tre minuti dalle mezzanotte, il che vuole annunciare un allarme visto che il record di vicinanza alla mezzanotte e stato di massimo due minuti intorno al 1960.

Motivi economici di una possibile fine del mondo

Riguardo ad una possibile apocalisse, il fattore legato alla proliferazione delle armi nucleari non sembra più l’unico elemento di allarme, ma viene inserito anche quello legato ai cambiamenti climatici, causati all’ambiente da noi stessi, con tutte le conseguenze possibili. Tutti questi segnali di allarme, e sopratutto i motivi che potrebbero celarsi dietro alla fine del mondo, sono fortemente collegati all’economia e alla finanza. Tra i motivi economico-finanziari legati a una catastrofe imminente, troviamo:

  • settore del nucleare
  • settore delle armi in generale, in correlazione alla guerra
  • cambiamenti climatici estremi
  • settore delle nanotecnologie
  • settore della biologia sintetica

Le cause economiche stanno, infatti, alla base di tutto, poiché è appunto l’economia a far muovere il mondo stesso. Conseguentemente, il mercato della borsa, le speculazione e gli investimenti di ogni giorno vanno ad incrementare alcuni rischi e alcuni settori pericolosi per il nostro pianeta. A proposito è molto interessante l‘articolo pubblicato sul The Telegraph” Doomsday clock for global market crash strikes one minute to midnight as central banks lose control”, un articolo abbastanza complesso, di cui è consigliatissima la lettura. Questo articolo servirà a migliorare la tua pianificazione d’investimento, tenendo conto non solo degli aspetti legati alla catastrofe, ma in generale per migliorare le tue prestazioni. Per esempio, uno dei fattori presi in esame è la mancata crescita dei paesi così detti emergenti, in particolare la Cina. Si tratta di paesi che crescono meno del previsto, ma con valori pur sempre superiori al 5% anno. Viste le prospettive di crescita inferiore alle previsioni, è ovvio che le commodity crollino, ricordando che per il petrolio è anche in atto  una guerra politica che vede coinvolti tutti gli attori presenti sullo scacchiere mediorientale, in primis USA e Russia. Inoltre, ci sono le banche nazionali e mondiali che non si capisce se e come si stiano muovendo. Ma come già riportato nell’articoloL’economia per Varoufakis, anche le grandi potenze cercano di sviluppare le loro politiche di business non tenendo conto la finanza etica.

In base a questi ragionamenti, potresti fare la tua parte cercando di evitare di farti condizionare da queste situazioni. Non dovrai mai sottovalutarle, ma anzi dovrai valutare con attenzione, cercando di capire se i tuoi investimenti in termini di asset allocation saranno più o meno corretti al fine di integrarli o riposizionarli. Nel caso in cui non ritenessi sufficiente la tua preparazione in merito, potrai informarti leggendo manuali a riguardo, seguendo corsi, video lezioni, eventi e conferenze, ma sopratutto il consiglio è quello di richiedere il parere di un esperto, il quale saprà sicuramente valutare le tue aspettative e il contesto generale indirizzandoti al meglio.