ETP: cosa sono, come investire, pro e contro, differenze con gli ETF

165

Hai sentito parlare degli ETP, ma non hai la più pallida idea di che cosa siano? Se desideri averi chiarimenti, informazioni e modalità di utilizzo degli ETP, questo è l’articolo che fa per te! Infatti, di seguito, troverai informazioni su che cosa essi siano, su come è possibile investire, i pro e i contro e le maggiori differenze con gli ETF. Continua a leggere per sapere di più.

ETP: che cosa sono?

Gli ETP (Exchange Traded Product) sono un prodotto d’investimento che segue le performance di un benchmark. Gli ETP replicano un attivo sottostante, sono quotati e negoziati in borsa come le azioni. Presentano una semplicità di operatività, poiché possono essere acquistati e venduti in ogni momento di apertura della borsa. Avrai la possibilità di inserire gli ordini con limiti oppure di venderli allo scoperto. Il concetto base però è che non si va a investire su un titolo specifico, ma su un indice, ovvero un insieme di titoli. Infatti, questo genere di prodotto finanziario è stato creato per raggruppare varie strategie di trading. Esistono vari tipologie di Exchange Traded Product, ecco di seguito le principali:

  • gli ETF , Exchange traded fund;
  • gli ETC, Exchange Traded Commodity;
  • gli ETN, Exchange Traded Note;

Mentre gli ETF sono fondi d’investimento, gli altri sono strumenti finanziari derivati. I primi permettono di organizzare l’investimento con una gestione passiva e in borsa funzionano come titoli e obbligazioni.

Gli ETC, che abbiamo già incontrato in un nostro precedente articolo, sono titoli che permettono di investire direttamente in una materia prima o in un gruppo di commodity (per esempio in metalli industriali), replicandone la performance. Esiste anche la possibilità attraverso gli ETC fisici o physically-backed di garantirsi il deposito delle materie prime presso una banca incaricata dall’emittente, in genere per materie non deperibili e principalmente per i metalli preziosi.

Gli ETN sono strumenti finanziari emessi da una banca o da un operatore abilitato a fronte dell’investimento diretto nel sottostante o in contratti derivati sul medesimo. Il criterio che distingue gli ETN dagli ETC è esclusivamente la natura del sottostante ovvero le commodity per gli ETC. Il sottostante di un ETN replica la performance d’indici differenti come per le valute, le azioni, le obbligazioni, grazie all’investimento diretto da parte dell’emittente.

Pro e contro degli ETP

Gli Exchange Traded Product sono un tipo di investimento che risulta essere un’alternativa redditizia e dai costi vantaggiosi di investimento. Ovviamente, se si prendono in considerazione i comuni fondi, questi daranno la possibilità di un maggiore ritorno di guadagno. Tra i pro a proposito dell’utilizzo degli ETP, vi è anche la possibilità di ricreare e quindi prevedere con facilità l’andamento di una parte del mercato, anzi che di un solo strumento finanziario. Un altro vantaggio, che risulta essere il più quotato, è il fatto che attraverso questo strumento finanziario avrai la possibilità di investire su un indice anche su una materia prima. Risulta essere quindi un prodotto d’investimento valido che sotto vari aspetti risulta essere molto conveniente, ma ovviamente presenta anche alcuni svantaggi. Per esempio, non si avrà la possibilità di creare Exchange Traded Product, ma ti dovrai attenere a quelli che sono già stati creati, seguendo passivamente. Questo è un punto enormemente a sfavore poiché non si avrà neanche la possibilità di modificare gli strumenti.

Bisogna ricordare che, scegliere di investire o non investire, dipende solamente da te stesso. Infatti, prima di iniziare il tuo investimento dovrai creare un planning, un organizzazione mentale che ti permetterà di fornirti un piano di investimento ideale, andando a prevedere modalità di investimento, obiettivi, strumenti da utilizzare, aspettative e tanto altro. Per organizzarti al meglio, dovrai possedere le conoscenze del settore che potrai acquisire frequentando corsi di aggiornamento e formazione, video lezioni, eventi e convegni, consultando un esperto.