Azioni: cosa sono, come investirci, pro e contro

30

Vuoi capire che cos’è un azione, a cosa serve e come investire in essa? Questo articolo è ciò che fa al caso tuo! Continua a leggere per avere maggiori informazioni, caratteristiche, curiosità, pro e contro, rischi, rendimenti e tanto altro ancora!

Azioni: cosa sono e a cosa servono?

Le azioni sono degli strumenti finanziari e titoli di credito che rappresentano il valore di una parte della proprietà di una società per azioni. L’azionista è colui che investendo nell’acquisto di un’azione, diviene per conseguenza possessore di una parte dell’azienda. La società per azioni, attraverso gli investimenti troverà capitale per finanziare la sua attività. L’insieme di più azioni vanno a formare il capitale azionario. Esistono moltissime tipologie di azioni, per esempio quelle quotate e non quotate che differiscono l’una dall’altra per la differenza nella facilità di acquisto maggiore nella prima categoria. Le azioni sono intestate nominalmente e si differenziano in base ai diritti che detiene, ecco, di seguito, le principali tipologie di azioni:

  • azioni di risparmio
  • azioni a voto plurimo
  • azioni privilegiate
  • azioni voto maggiorato

Acquistando un’azione, l’investitore ottenere alcuni diritti importanti, tra cui:

  • visione dei dividendi
  • voto durante le assemblee
  • consultazione di libri sociali
  • Delibere delle assemblee

Potrai acquistare i titoli azionari sul mercato azionario o acquistarli fisicamente tramite gli appositi enti specializzati, per esempio potrai richiedere a banche e società di intermediazione.

Investire in azioni: come, pro e contro

Investire in azioni vuol dire acquistare dei titoli che rappresentano una porzione del capitale di una società. Quindi, l’acquisto di una azione ci fa diventare proprietari di una parte della società. Come in ogni investimento, sarà necessario e importante conoscere il titolo e il mercato,al fine di muoversi e indirizzarsi al meglio. Dovrai quindi investire il tuo  tempo per essere informato e per prendere le decisioni  ideali. L’informazione è alla base dell’investimento, quindi capito cosa è un’azione, dovrai conoscere il mercato e in particolare la società su cui voglio investire. Potrai leggere le informazioni finanziarie disponibili degli ultimi 10 anni, cercare report e opinioni da parte di esperti del mercato e sui forum di finanza. Inoltre, le società quotate hanno una sezione riservata agli azionisti, dove potrai trovare i dati economici con i trend dell’azione negli anni, i dividendi distribuiti, le operazioni effettuate sul capitale. Tutto quello che avrai letto dovrà poi essere pesato, perché anche l’informazione ineccepibile e corretta può essere di parte.

Un consiglio utile prima di investire in azioni, in particolare nel periodo di raccolta informazioni, è quello di creare un portafoglio ideale virtuale, dove potrai iniziare a fare degli investimenti in azioni e verificarne l’andamento, in modo da poterlo confrontare con le tue aspettative di risultato. Così facendo ti metterai alla prova, senza rischiare nulla, se non il tempo dedicato. Questo non sarà tempo perso, perché risulta un metodo ideale per trovare soluzioni alternative, scartare progetti infattibili o rischiosi, lavorare in modo più sicuro possibile e sopratutto non farsi trovare impreparati.

Se deciderai di comprare un’azione di un’azienda, non è per venderla il giorno dopo, ma come da regole dovrai mantenerla e veder crescere il valore negli anni. L’arco temporale di un buon investimento in azioni viene indicato nei 10 anni, perché i patrimoni si formano nel tempo. Certamente, se a causa di fattori imprevedibili lo scenario dovesse cambiare totalmente, anche la tua posizione dovrà essere completamente rivista.

Ultimo suggerimento, il consiglio più quotato è quello relativo alla diversificazione, che deve essere assolutamente fatta, però senza disperarsi eccessivamente. Infatti, ti basterà individuare un elenco di azioni e tenerti il più possibile aggiornato sull’azione e il mercato, questa è la differenza tra chi investe e chi “gioca” in borsa.