Home > Investimenti > Azioni > Investire nella biotecnologia

Investire nella biotecnologia

Investire nella biotecnologia

Investire nella biotecnologia, di cosa stiamo parlando? Avrà sviluppo nel futuro? Posso investire nella biotecnologia e con che rendimenti? La biotecnologia e l’economia e che azioni biotecnologiche




Investire nella biotecnologia. Affrontiamo con piacere questo specifico argomento, che ci è stato richiesto, perché lo riteniamo di estrema attualità. Cosa s’intende per biotecnologia? La tecnologia, in particolare l’ingegneria genetica, applicata alla biologia, cioè agli organismi viventi. Le moderne biotecnologie trovano vasto impiego nei processi produttivi di diversa natura, come in ambito agroalimentare, ambientale, industriale, sanitario. Facilmente si può comprendere l’ampia portata di applicazione e l’attrazione che esercita sui capitali che sono stati investiti e che continuano a esserlo.

La moderna biotecnologia è considerata una delle più importanti tecnologie degli anni 2000. Con un elevato tasso di crescita, stimato superiore al 10% annuo, è oggi uno dei settori di sviluppo più interessanti in assoluto. L’area che attira maggiori operatori è quella della salute e in particolare quella farmaceutica, che a differenza di altri settori, è legata all’allungamento dell’attesa di vita e all’invecchiamento della popolazione. Comunque tutti i settori della biotecnologia per mantenere e incrementare la ricerca e lo sviluppo richiederanno sempre più capitali dagli investitori. Dobbiamo pertanto valutare se riteniamo di nostro interesse il settore e quindi lo andiamo a inserire tra quelli da tenere sotto osservazione perché meritevole di possibili investimenti .

La mancanza di cultura e l’alto livello di rischio hanno tenuto lontano i piccoli investitori nei primi dieci anni del duemila, ma chi avesse investito a suo tempo, oggi avrebbe probabilmente ottenuto interessanti ritorni. Per tenerci aggiornati e approfondire gli argomenti sui settori di sviluppo nella biotecnologia oggi abbiamo un’ampia scelta, fornita da siti web nazionali e in particolare internazionali.

Gli operatori a livello mondiale vanno dalle multinazionali con i loro centri di ricerca e sviluppo, alle start-up, spesso di emanazione universitaria.

L’investimento nel settore può essere diretto attraverso l’acquisto di obbligazioni e azioni di società operanti nei settori specifici o attraverso l’investimento in fondi specializzati. Il fondo specializzato risponde a due esigenze base, la diversificazione dell’investimento e in particolare la conoscenza specialistica, fondamentale in questo settore. Inoltre ricordiamoci che investire nella biotecnologia, prevede tempi medio lunghi. Gli investimenti in ricerca devono sostenere il progetto su tutta una serie di passaggi obbligati che, se superati, permetteranno al termine di validare i prodotti. Solo da quel momento s’inizierà a produrre ricavi, oppure si cederà il brevetto per ritornare a dedicarsi alla ricerca e sviluppo di altri progetti.

Ci auguriamo di aver dato una serie di chiarimenti, che possano mettere in condizione l’investitore di fare una prima valutazione sul settore.

Gianfranco Mozzali

Print Friendly, PDF & Email