Mercato OTC: cos’è, come funziona, rischi e quotazioni

3140

Cos’è il mercato OTC? Se è questa è la tua domanda e desideri saperne di più sull’argomento, questo è l’articolo che fa al caso tuo! Qui troverai che cos’è il mercato OTC, come funziona, informazioni generali, consigli e tanto altro ancora. 

Mercato OTC: che cos’è?

Il mercato OTC, ovvero mercato over the counter, è una tipologia che si distingue per la presenza di requisiti che non sono definiti nei mercati regolamentari. Ciò significa che in questo tipo di mercato le negoziazioni non rientrano nelle dinamiche ufficiali della borsa. Si utilizza sempre il meccanismo della compravendita dei titoli che però non fanno parte della borsa, ed in parallelo i contratti non sono standardizzati. In questi mercati le quotazioni si basano solamente sull’offerta e la domanda, cambiando vorticosamente. I maggiori campi di interesse che utilizzano i mercati OTC, sono le transazioni all’ingrosso. Il contratto viene stipulato informalmente via telefonica o elettronica. Quindi, nel mercato OTC:

  • assenza di quotazioni ufficiali, che si traduce in titoli che possono diventare poco liquidi
  • contratti non standard, quindi le valutazioni e le implicazioni sugli importi e sulle scadenze
  • non esistono organismi centrali di regolamentazione, diventa fondamentale individuare un’affidabile operatore
  • le procedure che disciplinano l’attività di compra-vendita non rispondono a quelle richieste dai mercati regolamentati. Per esempio i contratti non rispettano regole uniformi, possono essere personalizzati, e pertanto capire che prodotto finanziario si va a comprare, richiede una buona competenza finanziaria.

Quindi il mercato OTC è un mercato che si costruisce le sue regole di organizzazione e di funzionamento, anche se a livello europeo, con l’introduzione del regolamento EMIR del 2012 si sta lavorando sull’obiettivo di ridurre il rischio sistemico. Sicuramente una caratteristica del mercato OTC è di aver minori regole, che si traducono in obblighi informativi minori, e di conseguenza anche la trasparenza è inferiore.

Chi opera su questi mercati OTC?

Tutti i tipi di soggetti operano nei mercati OTC, dalle banche centrali alle istituzioni bancarie e finanziarie, all’investitore persona fisica. Pertanto i mercati OTC non saranno regolamentati, ma gli operatori lo sono, e devono adempiere a tutti i requisiti richiesti dalle varie normative vigenti degli stati in cui operano. Inoltre, sono allo studio delle nuove forme di controllo da parte degli enti nazionali preposti, in particolare negli Stati Uniti dove i mercati OTC sono particolarmente sviluppati ed in continua evoluzione.

Nei precedenti articoli abbiamo già avuto modo di conoscere dei prodotti finanziari che sono negoziati sull’OTC. Un esempio, tra questi è Forex che è un mercato OTC, dove in tanti operano e in tutto il mondo. I prodotti che abbiamo preso in esame sono quelli che appartengono al mercato dei derivati come i CFD, i forward e in particolare gli swap, l’Interest rate swap e i CDS, che sono gli strumenti più richiesti e negoziati. Dobbiamo comunque ricordare che su questi mercati sono negoziati anche prodotti complessi nella loro costruzione, perché gli ingegneri finanziari in base all’evoluzione dei mercati e dell’informatica, hanno ideato prodotti finanziari molto sofisticati. Comunque per effettuare un buon investimento sui mercati OTC, possiamo anche valutare delle semplici “azioni” di società in forte crescita e sviluppo, che operano in mercati emergenti e di nicchia, come quelli delle nuove fonti energetiche e della biotecnologia.

Per concludere, come posso operare in un mercato OTC ? Individuando un operatore, ovviamente abilitato, che abbia una piattaforma di trading online sicura, completa di servizi semplici, ma efficaci e con costi accettabili. Il consiglio più importante è sempre quello di informarsi per essere preparati al meglio ed eventualmente richiedere un consiglio da parte di un professionista del settore che saprà valutare il tuo caso e consigliarti la via migliore per te.