Azioni Bper: come acquistarle? Dove controllare le quotazioni?

58

La Bper Banca, conosciuta anche come Banca Popolare dell’Emilia Romagna, come molti altri istituti di credito è quotata in Borsa. Ma come si possono acquistare queste ultime? Dove e come controllare le sue quotazioni?

La banca

Fondata nel 1867 a Modena, già dai primi del Novecento questa banca ha permesso di realizzare opere pubbliche a Bologna e a Modena con vari finanziamenti. Nel dopoguerra, iniziò anche a sostenere le micro-imprese. Il gruppo Bper nacque nel 2003 ed in seguito nel 2016 diventa una società per azioni.

Il suo azionatario, in base ai dati del 2020, è così strutturato: 62,95 % Flottante, 19,73 % Unipol Gruppo S.p.A, 10,23 % Fondazione di Sardegna, 4,09 % Dimensional Fund Advisors e 3 % Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Il suo gruppo bancario, comprende la Bibanca, la Banca di Sardegna e la BPER Bank Luxembourg S.A. con sede nel Granducato del Lussemburgo.

I suoi servizi, sono rivolti sia ai privati che alle imprese, ed essi includono non solo conti e carte rivolte ad entrambe le categorie, ma anche prestiti, mutui, assicurazioni, investimenti, etc. Secondo i dati risalenti al 2019, il suo fatturato ammonta a circa 2,275 miliardi di euro.

Come acquistare le azioni? Conviene?

Per acquistare le azioni della Bper è bene affidarsi agli intermediari ufficiali, incluse delle piattaforme di trading online, come la Trade o l’eToro. Per controllare l’andamento di queste azioni, è possibile visitare il sito ufficiale della Borsa Italiana o pagine web che trattano di economia e finanza.

La domanda che sorge spontanea è: conviene acquistare le azioni Bper? Per saperlo è necessario controllare le quotazioni di mercato, ma secondo gli ultimi dati (del dicembre 2020), sembra che i titoli della banca siano ai minimi storici. A lungo andare, secondo alcuni consulenti, potrebbe essere vantaggioso acquistare a lungo termine, soprattutto ora che le azioni sono in ribasso, ma per sfruttare al meglio questo investimento bisogna tenere sotto controllo l’andamento del mercato, visti anche gli effetti economici provocati dalla pandemia.