Codice tributo 3845: come si usa e quando

37

Il codice tributo 3845 è usato per versare l’acconto dell’addizionale comunale IRPEF trattenuta dal sostituto di imposta, e va inserito nel modello 730. Come è noto, l’IRPEF è un’imposta sul reddito delle persone che va in gran parte allo Stato ed alcune percentuali nelle Regioni e Comuni (queste si chiamano addizionali). Ma come si usa, questo codice?

A cosa fa riferimento

Questo codice, usato per il pagamento dell’addizionale IRPEF, viene utilizzato dai lavoratori dipendenti, e versata dal datore di lavoro, che fa il ruolo di sostituto di imposta. Egli utilizza nel modello F24 i codici necessari per le addizionali comunali e regionali, ma nel caso del codice tributo 3845, usato per l’acconto dell’addizionale IRPEF, deve ricorrere al modello 730.

Per calcolare questo acconto, bisogna controllare le aliquote dei vari comuni, ma in generale è di circa il 30 % della somma dovuta. Si paga dal mese di marzo e si può dilazionare in nove o undici rate, a seconda della somma.

Come inserirlo nel Modello F24

Ovviamente, il contribuente deve inserire questo codice anche nel Modello F24 dell’Agenzia delle Entrate, e per la precisione nella “Sezione IMU ed altri tributi locali“. Di questa sezione si dovranno compilare le colonne che riguardano:

  • il codice ente/codice comune, che si può trovare nei codici catastali;
  • il codice tributo;
  • la rateazione;
  • l’anno di riferimento;
  • gli importi a debito versati.