Come fare trading online sulle criptovalute?

70

Le criptovalute rappresentano una tecnologia innovativa, una vera e propria rivoluzione nel settore delle transazioni finanziarie e nella gestione dei contratti (smart contract). L’interesse sempre maggiore e le quotazioni in crescita stanno aumentando il coinvolgimento da parte dei trader, molti dei quali effettuano con regolarità operazioni di trading sulle cryptocurrency.

Tuttavia è importante capire come funzionano gli investimenti sulle monete virtuali, in particolare in relazione al settore Forex, poiché nel trading questi asset vengono negoziati tramite contratti derivati in base al dollaro americano, la valuta di scambio internazionale delle cryptocurrency.

In questo articolo andremo ad analizzare alcuni aspetti fondamentali per fare trading online di criptovalute, per comprendere come approcciarsi a questo tipo di operazioni finanziarie. Allo stesso tempo, per maggiori approfondimenti consigliamo questa guida per l’investimento in criptovalute di Giocareinborsa.net, dove trovare informazioni utili per il trading di Bitcoin e delle altre monete virtuali.

Cos’è il trading online di criptovalute e come funziona

Una delle modalità per investire sulle criptovalute è tramite il trading online, rivolgendosi a un broker certificato e operando attraverso strumenti derivati come i CFD (contratti per differenza). Questi prodotti finanziari consentono di aprire posizioni al rialzo e al ribasso, studiando i grafici degli andamenti per determinare il momento giusto in cui realizzare gli eseguiti.

I CFD sono dei contratti tra il broker e il trader, con i quali investire con posizioni long (al rialzo) o short (al ribasso) senza limitazioni di tempo. In pratica si acquista un contratto su una coppia di criptovalute, come il Bitcoin in relazione al dollaro americano (BTC/USD), aprendo la posizione con un prezzo di acquisto e impostando una tendenza di mercato.

Se ad esempio si apre una posizione long su BTC/USD significa che la nostra previsione stima un rialzo della quotazione del Bitcoin rispetto al dollaro. Qualora questa analisi dovesse rivelarsi corretta è possibile liquidare il CFD, incassando il rendimento dato dalla differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita, in caso contrario si registra una perdita.

Ovviamente è possibile scegliere di mantenere la posizione aperta, se le previsioni indicano una possibile inversione del trend nei prossimi giorni, pagando le commissioni di overnight per tenere il CFD oltre la giornata di contrattazioni. Questo sistema si basa sull’analisi tecnica, infatti tramite i grafici si possono determinare i momenti giusti per investire, l’importo delle operazioni e l’impostazione dei parametri di vendita automatici.

Stop loss e take profit: a cosa servono?

Quando si effettuano investimenti sulle criptovalute, attraverso il trading online e i CFD, è indispensabile impostare correttamente stop loss e take profit. Si tratta di parametri che permettono di liquidare automaticamente la posizione aperta, al raggiungimento di una perdita massima (stop loss) oppure di un rendimento minimo (take profit).

La configurazione si realizza dalla piattaforma di trading online, in questo modo è possibile ottenere una gestione del rischio più accurata. Con gli stop loss si evita che la perdita superi un valore predeterminato, secondo le analisi effettuate, la strategia d’investimento e i propri obiettivi. Con i take profit si incassa un rendimento sicuro per evitare di tenere la posizione troppo a lungo, esponendosi alla possibile inversione di tendenza.

Tutti i trader professionisti sottolineano l’importanza di impostare in modo adeguato questi parametri, strumenti fondamentali per fare trading online, ancora più importanti quando si investe in criptovalute. Le monete virtuali, infatti, sono asset piuttosto volubili, soggetti ad oscillazioni improvvise e consistenti, perciò è essenziale operare in modo controllato limitando le incertezze e amministrando il rischio in modo accurato.

Quali sono i fattori che influenzano la quotazione delle criptovalute

Per gli investimenti nelle criptovalute è necessario conoscere non solo l’analisi tecnica, ma anche comprendere quali sono i fattori che influenzano le quotazioni dei prezzi delle cryptocurrency. In questo modo è possibile incrociare lo studio analitico dei grafici con previsioni più ampie, per migliorare la precisione delle proprie rilevazioni e fare trading online in maniera più consapevole.

Queste tecnologie risentono di molti fattori esterni, infatti operano in settori non regolamentati, perciò più esposti di altri alle fluttuazioni. Si tratta ad esempio della domanda e dell’offerta, nuove normative, un aumento dell’uso della rete blockchain su cui quella cryptocurrency funziona, oppure delle attività di speculazione finanziaria.

Lo stesso vale per le attività di mining, la quantità di monete virtuali in circolazione sul mercato, oltre ovviamente alla quotazione del dollaro americano. La soluzione migliore per il trading di criptovalute rimane il connubio tra analisi tecnica e fondamentale, ricordandosi di investire in modo prudente su questo asset così volatile e caratterizzato da un alto livello di incertezza.