Investire in azioni: come si fa e che rischio si corre

403

Grazie a internet molte attività stanno diventando più semplici da svolgere. È questo il caso anche delle compravendite di titoli azionari, anche se su questo argomento è bene fare qualche chiarimento. Perché è effettivamente semplice comprare un’azione, più difficile è scegliere tra i titoli azionari disponibili quelli che avranno in un futuro abbastanza prossimo un aumento delle quotazioni di mercato. Investire in azioni porta pur sempre a correre rischi decisamente elevati, soprattutto se non si ha una buona preparazione di base.

Comprare un titolo azionario

Veniamo ora alle questioni pratiche: abbiamo visto che i quotidiani, o altre fonti di informazione, parlano bene di un titolo azionario che sta mostrando da tempo quotazioni in ascesa e vogliamo comprarlo anche noi, come facciamo? Il modo più rapido e semplice consiste nell’utilizzare le piattaforme di trading online che offrono anche questo genere di servizio. Molte piattaforme di trading infatti si occupano quasi esclusivamente di strumenti finanziari derivati, solo alcune invece offrono ai propri clienti anche titoli azionari e altri strumenti. Per fare un esempio pratico è possibile comprare le azioni su eToro. Attivare il proprio account su una qualsiasi piattaforma è rapido e semplice, è sufficiente avere una copia digitale della propria carta di identità e un qualsiasi metodo di pagamento elettronico.

Comprare azioni tramite altri intermediari

Ci sono poi anche intermediari che potremmo definire tradizionali che permettono ai propri clienti di acquistare azioni. Lo fanno alcune banche, così come varie società di intermediazione presenti in Italia o anche online. In questi casi serve comunque avere a disposizione un account, ad esempio per operare tramite una banca sarà necessario attivare un conto corrente, con l’aggiunta di un servizio di trading, tramite sportello o anche tramite sito di home banking. Le tempistiche sono solitamente diverse rispetto a quelle di una piattaforma di trading online, anche perché in genere è necessario firmare dei contratti e in alcuni casi è possibile inviarli esclusivamente tramite posta tradizionale. Molti però già possiedono un conto corrente, quindi non avranno alcuna difficoltà nel verificare se la banca offre anche un servizio di trading. Per questo tipo di servizio spesso è necessario saldare un costo aggiuntivo rispetto a quello correlato alla gestione del conto corrente.

Che titolo acquistare

Abbiamo visto che comprare un titolo azionario è semplice e in alcuni casi bastano poche decine di minuti per avere a disposizione un conto tramite cui dedicarsi alla compravendita di titoli azionari. Ciò che invece è decisamente più complesso è la scelta dell’azione “giusta” da acquistare, per poter ottenere rapidamente una certa remunerazione. Sotto questo punto di vista il modo migliore per poter valutare quali titoli azionari acquistare consiste nel valutare le società emittenti, verificandone la situazione creditizia, i progetti per il futuro, le eventuali voci di fusioni o di acquisizioni. Precisiamo comunque che qualsiasi metodo si utilizzi non ci può dare alcuna certezza sui movimenti delle quotazioni di un qualsiasi titolo azionario, ma solo a darci un’idea di ciò che potrebbe avvenire. Gli investimenti in azioni sono sempre rischiosi, perché l’andamento dei mercati è spesso altalenante.

L’analisi fondamentale

Uno dei più diffusi metodi utilizzati dagli investitori per scegliere quale titolo azionario acquistare si basa sull’analisi fondamentale. Si tratta in sostanza di andare a verificare i diversi fattori che influiscono sull’aumento o sulla diminuzione delle quotazioni di un asset o di un intero mercato. Si osservano le caratteristiche della singola società che emette i titoli, ma anche gli eventi, economici ma non solo, che possono influire sull’aumento del valore di un qualsiasi asset.