Limiti bonifici bancari: ecco cosa c’è da sapere e come funzionano

309

Il bonifico bancario è un metodo di pagamento che permette di trasferire dei soldi ad un conto, senza dover usare i contanti. Ma quali sono i suoi limiti? Come emetterlo?

I limiti del bonifico bancario

Oggi i bonifici bancari si possono fare sia presso uno sportello in banca che online, secondo le procedure previste dall’istituto di credito, ma tale versamento è sempre tracciabile, in quanto riporta non solo l’importo ed il beneficiario, ma anche i dati di chi lo emette e la data.

Naturalmente, esso prevede un importo limite massimo, che varia a seconda delle situazioni. In Italia, questo importo non ha un limite massimo, ma nel caso che sia eseguito da terzi, esso non deve superare i 5000 euro. Per il bonifico SEPA, all’interno dell’Unione Europea (ma anche in alcuni paesi al di fuori dell’UE), dei limiti non ci sono, ma è bene verificare sempre presso la banca ed il paese in cui si effettua il versamento. Nemmeno per i paesi extra Europei ci sono dei limiti veri e propri, ma in questo caso le procedure possono essere rallentate per i dovuti controlli, soprattutto se si tratta dei cosiddetti “paradisi fiscali”.

Per quanto sia conveniente optare per questo strumento di pagamento, esso presenta comunque degli svantaggi, che riguarda in particolare i tempi di trasferimento, che possono durare anche una settimana, oppure le commissioni previste, che possono aggirarsi da 1 a 9 euro, a seconda del metodo usato e del tipo di bonifico (all’estero può arrivare anche a 40 euro).

Come pagare tramite bonifico

Effettuare un bonifico non è complicato: bisogna compilare un modulo, prestampato oppure online, che comprende i dati dell’ordinante e del beneficiario, la data, la causale, l’importo, l’IBAN e la firma di chi lo sta emettendo. Una volta emesso, si riceve una ricevuta del pagamento effettuato.

I bonifici, poi, possono arrivare al beneficiario nel giro di un giorno o di pochi istanti, ma può anche verificarsi dopo alcuni giorni, a seconda dell’istituto e da dove si vuole inviare il denaro. Anche i costi sono relativi.