Microcredito Movimento 5 stelle: che cos’è? Chi può richiederlo?

614

Il Microcredito Movimento 5 stelle non è molto diverso da quello state o regionale, nel funzionamento, ma nel caso di quello del Movimento 5 stelle, la sua creazione è stata realizzata grazie ai tagli sugli stipendi di vari parlamentari. Ma come funziona? Chi può richiederlo?

Come funziona?

Accedere al microcredito tradizionale richiede più difficoltà, mentre in quello del Movimento 5 stelle i finanziamenti per le imprese, mettono al centro i finanziamenti startup, ovvero valutano l’impresa che merita i suddetti finanziamenti. Il supporto, tuttavia, non è solo di tipo economico, e per questo coinvolge diversi consulenti del lavoro per stipulare gli accordi. C’è da dire anche che questo microcredito, proposto nel 2018, non presente delle grandi novità, se non nell’aumento del numero e del valore degli stipendi.

I tassi, le durate e i costi del Microcredito 5 stelle dipendono dagli accordi con le banche italiane convenzionate, e l’elenco di questi istituti si può trovare nella pagina ufficiale del Microcredito, ma non bisogna dimentare che per alcune regioni, come la Toscana e l’Abruzzo, passando tramite la Confidi.

La somma massima che viene stanziata è di 25,000 euro (in alcuni casi 35,000), e per ottenerla le imprese devono essere in possesso di una partita IVA da meno di cinque anni, e devono avere al massimo cinque dipendenti.

Come si effettua la richiesta per questo microcredito?

Per ottenere questo microcredito è necessario aprire un account sul sito ufficiale, e una volta ottenute le garanzie necessarie per accedere ai servizi della pagina, si può effettuare una prenotazione nei modi indicati.

Dopo la prenotazione, quest’ultima si deve presentare alle banche o alla poste, entro cinque giorni, e allora si potrà aprire la pratica di business plan, che dovrebbe concludere entro un paio di mesi. L’iter da seguire, dipende comunque dal tipo di microcredito, ma se le iniziative riguardano progetti delle varie regioni, bisognerà consultare i bandi. Queste iniziative sono, poi, monitorate a livello locale.

Un vantaggio di questo microcredito, che lo distingue da quelli convenzionati, è che offre anche un servizio di assistenza e formazione, all’attività imprenditoriale, nella fase di erogazione del credito, e le convenzioni si possono ottenere da molti finanziatori, a buone condizioni di mercato. Tuttavia, esso non è un finanziamento a fondo perduto, e si dovrà comunque restituire con un piano di rimborso.