Mutuo consolidamento debiti: che cos’è? Quando e come si può richiedere?

345

Quando si parla di mutuo consolidamento debiti si fa riferimento ad una soluzione per sostituire il vecchio mutuo, in modo da estinguere i debito ad un tasso più agevolato, ottenendo una liquidità aggiuntiva. Ma quando si può richiedere questa soluzione? E quale procedura si deve seguire?

Che cos’è il mutuo consolidamento debiti

Il consolidamento debiti può sostituire dei prestiti già contratti, aggiungendo un’ulteriore liquidità in base alle proprie esigenze, e pagando così un’unica rata al mese. La formula di questo mutuo è ben descritta nel Decreto Legge 212/2011, riguardante le disposizioni urgenti sulla crisi da sovraindebitamento.

Questo mutuo è sicuramente vantaggioso per chi non riesce più a sostenere i mutui precedenti e vuole pagare una rata mensile più leggera, ma chi ha l’estinzione di un debito prossimo alla scadenza potrebbe trovarsi in svantaggio con il nuovo mutuo. Esso è un rifinanziamento presso un altro istituto di credito, e come ogni nuovo mutuo richiedere delle spese, come l’imposta sostitutiva, l’atto notarile, la perizia e l’istruttoria bancaria.

Quando e come si può richiedere

Se si vuole ottenere questo mutuo, è necessario possedere un reddito adeguato, in grado di sostenere l’impegno ed un immobile da poter mettere in garanzia, ma questo deve avere un valore superiore a l’importo del mutuo, almeno del 20 %. In aggiunta, è necessario che il richiedente abbia sempre pagato regolarmente le rate del mutuo e non risulti come cattivo pagatore.

Si può richiedere il mutuo di consolidamento solo se gli impegni precedenti sono dei prestiti personali, delle cessioni del quinto, delle ipoteche o dei finanziamenti per l’acquisto di un bene. L’ipoteca, in particolare, si può estinguere iscrivendo una al nuovo istituto di credito. C’è da aggiungere che le banche non sono molto propense a concedere questo mutuo, soprattutto se con esso si vuole surrogare dei mutui ottenuti per consolidamento o liquidità.