POR FESR Lombardia: a chi sono indirizzati questi fondi? Come si ottengono?

140

Il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale, noto anche come FESR, tra i suoi molti programmi comprende anche il POR, la cui durata andava dal 2014 al 2020, ma quali erano i suoi punti essenziali? Cosa si sa di questo fondo?

Il POR FESR 2014-2020

Questo processo si colloca all’interno di un quadro complessivo della Strategia Europa 2020, per una crescita intelligente e sostenibile, con un fondo che ammontava a 970,4 milioni di euro, in parte stanziati dall’Unione Europea. La strategia di questo programma comprendeva un confronto costante tra le istituzioni e le parti economiche, ambientali e sociali, coinvolte nel processo di valutazione ambientale.

Esso doveva dare risposte ai cittadini lombardi per la crescita delle imprese e del sistema territoriale, previsto in sei Assi prioritari, ovvero:

  • il rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologia e l’innovazione;
  • il migliorare l’accesso alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ed impegnarsi nel migliorare le loro qualità;
  • il promuovere la competitività delle Piccole e Medie Imprese, supportandone la nascita e lo sviluppo;
  • il sostenere la transazione economica verso delle basse emissioni di carbonio, nei vari settori;
  • lo sviluppo urbano sostenibile, riqualificando le aree urbane con azioni integrate;
  • il promuovere la strategia turistica di aree interne, con attività culturali ed inerenti l’ambiente.

Dal 2017 al 2020, poi, la Giunta della Regione Lombardia ha adottato vari decisioni di esecuzione della CE, e nell’ultimo programma erano due i punti principali, ovvero il rafforzare la capacità di risposta dei servizi di Sanità, dovuti alla Pandemia, e il sostenere le Piccole e Medie Imprese con misure straordinarie, per via della crisi sanitaria.

I bandi e altre informazioni sul FESR

Per capire come accedere ai fondi come quello già citato, del FESR, è necessario leggere i bandi sul suo sito ufficiale, nell’omonima sezione, dove è possibile trovare quelli attivi e non, le caratteristiche delle agevolazioni e le dotazioni finanziare che comprendono, e come ottenerlo.

E’ ovvio che oltre ai finanziamenti, questo ente ha anche dei programmi di controllo, monitoraggio e valutazione, come quello per il POR 2014-2020, come prevedeva l’articolo 56 del Regolamento UE 1303/2013 e l’Accordo di Partenariato nazionale.