Stati africani: quali sono i più ricchi? Cosa si da dell’economia di questo continente?

72

Sebbene l’Africa sia considerato un continente con stati poveri, le risorse non mancano. Ma su cosa si fonda la sua economia? Quali sono i suoi paesi più forti in campo economico?

La sua economia

Sebbene oggi faccia parte del cosiddetto “Terzo Mondo”, l’Africa è stata la culla di grandi civiltà, come quella egiziana. Oggi, tuttavia, gli stati africani sono fortemente indebitati e la loro situazione sia economica che politica è difficile da gestire.

Eppure le risorse non mancano, in particolare quelle del settore minerario: rame, oro e diamanti si trovano in grandi quantità in vari paesi. Il petrolio, poi, viene estratto dalla Nigeria, dall’Egitto, dalla Libia, dal sud del Sudan, lungo le coste occidentali e nella la fascia saheliana.

Il 60 % dei lavoratori africani è impiegato nell’agricoltura, in particolare le donne. Tre quinti degli agricoltori lavoro in coltivazioni familiari, le cui produzioni sono di poco superiore a quello che è il bisogno di un nucleo familiare. Le fattore più estese esportano prodotti come caffè, cacao, tè, cotone, gomma e fiori (attualmente tale mercato è in ascesa).

In crescita, nei paesi con una buona stabilità politica ed accessibilità, è il settore terziario, in particolare il turismo, nei paesi come Marocco, Egitto, Sudafrica, Etiopia e Kenya.

I paesi africani più floridi

Tra gli stati dell’Africa con un PIL pro capite, si possono citare (nel rispettivo ordine):

  • la Guinea Equatoriale, un paese piccolo ma con un PIL alto, che ammonta a 10,02 miliardi di dollari;
  • le Seychelles, paese composto da 115 isole affacciate sull’Oceano Indiano, ha anch’esso una popolazione bassa, ma è altamente sviluppato, con un economia basata principalmente sul turismo. Il suo PIL è di 1,125 miliardi di dollari;
  • l’isola di Mauritius, anch’essa sulla costa orientale dell’Africa, indipendente dal 1968, ha un’economia libera, incentrata soprattutto sul turismo, ma anche l’agricoltura gioca un ruolo importante. Il suo PIL a 10,91 miliardi di dollari;
  • il Gabon, confinante con la Guinea Equatoriale, la sua economia si concentra in particolare sul petrolio, ed il suo PIL è di 15,59 miliardi di dollari;
  • il Botswana, con una democrazia stabile ed un buon sistema bancario, la sua economia si basa in particolare sull’estrazione di metalli e pietre preziose, come oro, diamanti, rame ed uranio. Il suo PIL è di 15,78 miliardi di dollari;
  • l’Algeria, con i suoi 145,2 miliardi di dollari di PIL, ha una florida economia grazie alle sue risorse di idrocarburi, ovvero il petrolio ed il gas naturale;
  • la Libia, il settimo paese più ricco dell’Africa, esporta principalmente petrolio, ma anche gas naturale e gesso. Grazie a tali risorse, il PIL del paese raggiunge i 25,42 miliardi di dollari;
  • il Sudafrica, con il suo PIL di 301,9 miliardi di dollari, ha un’economia incentrata soprattutto sul turismo, ma beneficia anche di una florida industria mineraria;
  • l’Egitto, che ha un settore turistico florido, ma la sua economia dipende anche dall’agricoltura, dal gas naturale e dal petrolio. Il suo PIL è di 361,3 miliardi di dollari;
  • la Namibia, con il suo PIL di 10,7 miliardi di dollari, e la sua economia si base soprattutto sull’economia, l’estrazione di minerali e la produzione di beni. Tuttavia, questo paese ha anche un costo alto della vita.