Successione conto corrente: come funziona? Ha dei costi? Cosa fare?

120

La morte del titolare di un conto corrente presenta non pochi problemi, sia per gli intestatari che per le banche. Tanto per cominciare, esso viene bloccato, fino a che non si presentano dei documenti di successione e, naturalmente, ci sono altre operazioni da seguire. Per saperne di più, si può continuare a leggere questa pagina.

Cosa succede alla morte di un titolare del conto

Non appena viene notificata la morte di un cliente alla banca, quest’ultima è tenuta a bloccare il suo conto, così come prevede l’articolo 48, comma 4, del Decreto Legislativo 346 del 1990, anche se questo era cointestato con altri titolari, a firma disgiunta. I pagamenti automatici, tuttavia, non vengono bloccati, così come l’invio delle bollette, e i bonifici e i pagamenti continuano anch’essi ad essere confluiti nel suddetto conto.

Per sbloccarlo, è necessario che gli eredi del defunto presenti all’istituto di credito una dichiarazione di successione, e tale operazione deve esserre effettuata entro un anno dal decesso del correntista, e bisogna inviare questa dichiarazione anche all’Agenzia delle Entrate. La banca è, poi, tenuta a pagare agli eredi gli interessi attivi sul conto, che non decorrono dalla dichiarazione di successione. Tale conto, viene poi diviso in quote uguali tra gli eredi.

I costi

Per la successione di un conto corrente, è prevista anche una tassa allo Stato, che va dal 4 all’8% del patrimonio del deunto, in base al vincolo di parentela dei suddetti eredi. Per i figli ed il coniuge, infatti, la tassa ammonta al 4 % del patrimonio, se esso supera la cifra di un milione. Il tasso del 6 % si raggiunge se gli eredi in questione sono fratelli o sorelle, mentre in tutte le altre circostanze.

Non si possono, poi, non considerare anche i costi per la dichiarazione di successione, il cui prezzo può variare dai 400 ai 700 euro, ma è una spesa che si può detrarre dalle tasse, per una cifra massima di 294,50 euro.