Home > Investimenti > Azioni > Il derivato

Il derivato

Il derivato - Economia e Finanza

Che cosa è il derivato? Ho sentito parlarne come di un investimento ad alto rischio? Il guadagno vale il rischio?

Il derivato è un contratto il cui prezzo deriva dal valore di un altro prodotto finanziario detto sottostante. Questo sottostante, che, ad esempio, può essere un’azione , una materia prima, un indice finanziario, ha delle variazioni di prezzo che si riflettono sul derivato. Leggiamo che alcuni siti web, ne sottolineano l’elevato rischio, sconsigliandone l’operatività, perché troppo legata alla speculazione e pertanto senza la possibilità di poterne prevedere l’andamento. Dipende invece dall’utilizzo che ne vogliamo fare noi. Il derivato, può essere un utile strumento d’investimento se per esempio mi copre il rischio di cambio su una redditizia obbligazione in valuta . Posso anche comprare un premio sull’incremento di un’azione che seguo. Limitando il rischio solo sull’importo che vado a destinare, nel caso le mie previsioni non si dovessero verificare entro la scadenza prevista.

Il guadagno vale il rischio ?

Diverso è il seguente discorso: ho € 100 e chiedo un prestito alla banca di € 900, con i € 1.000. compro il derivato su delle azioni per un valore di € 10.000. Non vado oltre perché è chiaro che qui s’innesca una spirale con una o più leve finanziarie, dove l’alea può crescere in modo esponenziale, fino a che trovo una banca disposta a farmi credito. Se tutto va bene otterrò elevatissimi guadagni, ma se va male e non riesco a limitare la perdita al mio capitale effettivo di € 100, mi trovo costretto a rimborsare il prestito o divento insolvente con la banca. Questo in modo semplice è anche quello che è successo negli USA negli anni 2007 e 2008.

Ricapitolando, non sta a noi dire se il derivato debba essere regolato in modo diverso, è l’uso che ne facciamo che ne determina le conseguenze. Essendo un mercato complesso ma accessibile, l’invito è di informarsi bene sul funzionamento dei derivati, con gli approfondimenti che ciascuno in base alle proprie capacità e competenze, certamente farà. La più grande difficoltà dell’attività sui derivati è la relazione matematica tra il valore del derivato e quella del bene sottostante. Per concludere, se riteniamo interessante l’investimento da abbinare ad altri già in essere, iniziamo utilizzando una parte di capitale che effettivamente abbiamo. Certamente i rendimenti saranno minori di quelli indicati da certe pubblicità, ma rientreranno in una corretta politica d’investimento. del nostro capitale.

Gianfranco Mozzali

Print Friendly, PDF & Email