Consob: che cos’è? Quali sono i servizi che offre?

31

Consob è l’acromico della Commissione nazionale per le società e la Borsa, un ente che tutela gli investitori e alla trasparenza dei mercati. Ma qual’è la sua storia? Di cosa si occupa?

Quando è nata la Consob e di cosa si occupa?

La Consob venne istituita nel 1974, con la legge che la definiva come organo di vigilanza sulle società quotate in borsa, e alla sua Presidenza, nel 1975, ci fu il professore Gastone Miconi, uno dei più importanti protagonisti della vita economica italiana. Prima, era il Ministero del Tesoro che ricopriva un simile compito. Nel 1983, con la legge numero 77, questo ente acquisì il controllo per le operazioni inerenti al risparmio pubblico, e due anni dopo, con la legge 281 divenne ancora più autonomo. Nel 2017, al suo interno venne istituto anche l’Arbitro per le controverie finanziarie.

In base alla legge, la Consob può:

  • regolamentare i servizi di investimento, comprese gli obblighi informativi che devono offrire le società quotate in borsa;

  • vigilare sulle società di gestione dei mercati, nonché su come si svolgono le negoziazioni;

  • autorizzare la pubblicazioni dei prospetti di tipo informativo, incluse le iscrizioni agli albi di settore, l’esercizio dei mercati regolamentari e i documenti di offerta di acquisto pubbliche;

  • controllare le informazioni sulle società quotate, fornite dai mercati;

  • accerta gli andamenti dei titoli quotati;

  • sanzionare i soggetti, in maniera diretta oppure rivolgendosi al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

E’ proprio la Consob, sul suo sito ufficiale, ad indicare come difendersi dalle truffe, verificando soprattutto se il soggetto in questione è autorizzato, da chi e qual’è il suo numero di autorizzazione, per poi controlare le imprese e le succursali, verificando dove hanno la sede e farsi dire il nome e il sito internet ufficiale.

La sua organizzazione e i suoi contatti

Come tutti gli altri enti, anche la Consob ha dei propri regolamenti ed una sua organizzazione. Istituzionalmente, include una commissione, un diretto ed un vice direttore generale, un segretario, un avvocato ed un organigramma con dieci divisioni.

Per il proprio funzionamento, questo istituto reperisce risorse mediante i contributi dei soggetti vigilati, tra cui banche, agenti di cambio, la cassa di compensazione e garanzia, Monte titolo, Mts, consulenti finanziari, gestori collettivi, gestori di mercati estersi, l’organismo dei consulenti finanziari, la Borsa Italiana, etc.

La Consob ha due sedi, quella principale a Roma ed una operativa e secondaria a Milano, e per contattare il loro centralino si possono telefonare ai rispettivi numeri, ovvero lo 0684771 e lo 02724201. Sempre a Milano, la Consob ha degli uffici non solo in via Broletto 7, dove si trova la sua sede, ma anche in via Rovello 6.

Ci sono, poi, due indirizzi PEC, che fungono da canali di comunicazione privilegiati, ovvero [email protected] e [email protected]. Per gli esposti, bisogna seguire una procedura indicati sul sito ufficiale della Consob.