Visura camerale in 5 minuti su Tuttovisure.it

17

Con l’espressione visura camerale ci si riferisce a un documento ufficiale. Tramite questo foglio, si ha modo di conoscere tantissime informazioni di un’impresa, di natura legale, amministrativa ed economica.

Ma non è tutto. Grazie alla Visura camerale, possiamo scoprire se un’impresa è realmente esistente e risulti in regola, ovvero registrata presso la Camera di Commercio. Con tale indagine, sarà inoltre possibile effettuare una valutazione delle mansioni svolte al suo interno, ma anche numerosi dati anagrafici sia di chi ci lavora che di società partner.

Ottenere una visura camerale in 5 minuti, al giorno d’oggi è più che fattibile.

La tecnologia ha fatto passi da gigante, anche per quanto riguarda questa tipologia di servizi. Per esempio su tuttovisure.it, si può fare la richiesta in via telematica, stando comodamente da casa.  Ma prima di spiegarvi nel dettaglio come fare, vi presentiamo le diverse tipologie di visura camerale.

Visura camerale ordinaria e storica

Recandosi alla Camera di Commercio sarà possibile chiedere due visure camerali differenti.

Nello specifico, ci riferiamo alla visura ordinaria e alla visura storica.

Con la visura camerale ordinaria si vanno a leggere tutte quelle informazioni aggiornate dell’impresa. Essa contiene i seguenti dati: oggetto sociale, la natura giuridica, il codice fiscale e/o la partita Iva, la data di costituzione e il tipo di attività svolta, il capitale sociale, le sedi amministrative e operative, più una serie di dati anagrafici.

In questo documento, avrete inoltre modo di scoprire eventuali procedure concorsuali, così come delle informazioni che riguardano i soci, la PEC, gli addetti, le varie attestazioni e così via.

La situazione cambia nel momento in cui si decide di chiedere una visura camerale storica. Qui infatti, potrete scovare numerosi dati e informazioni che riguardano l’impresa, a partire dalla data in cui venne fondata. Di conseguenza, è un foglio che va a specificare persino ogni tipo di modifica avvenuta nel corso degli anni, come ad esempio un cambio di sede legale, le variazioni di mansioni e cariche aziendali, le spartizioni di quote societarie e tanto altro ancora.

Tra l’altro, sarà possibile consultare i membri organi di controllo, gli eventuali trasferimenti di azienda e procedure concorsuali, le licenze, i ruoli, le scissioni, le informazioni da statuto, le fusioni ecc. Ciò ci fa ben intuire quanto tale tipologia di visura camerale risulta essere molto più completa e dettagliata, rispetto alla precedente.

Visura camerale come si ottiene

A questo punto sorge spontanea la domanda: come si ottiene la visura camerale?

Di solito, si consiglia di recarsi fisicamente presso uno degli sportelli fisici della Camera di Commercio. In alternativa, potete tranquillamente fare la visura camerale online, attraverso uno dei portali telematici che si occupano di queste pratiche burocratiche (come ad esempio Tutto Visure).

Chiedere la visura camerale in 5 minuti è semplicissimo. Per prima cosa, dovrete accedere al loro sito web e selezionare il tipo di visura che più fa al caso vostro (ovvero ordinaria oppure storica). Dopodiché, sarà fondamentale specificare l’attività sulla quale si desidera chiedere la documentazione (Società di Capitali, Società di Persone o Impresa Individuale).

Sarà a questo punto fondamentale inserire alcuni dati anagrafici e la partita IVA (o il codice fiscale). Se la partita IVA che avete inserito non risulta registrata presso la Camera di Commercio, riceverete un avviso, così da poter correggere l’errore.

Nel giro di poco tempo, dovreste ricevere tutte le informazioni di cui avete bisogno. Di solito, dal momento in cui inviate la domanda al responso via email, saranno necessarie alcune ore (salvo casi eccezionali, in cui potrebbero essere richiesti più giorni lavorativi). Una cosa è certa: con la burocrazia in via telematica, potrete dire addio alle lunghe file agli sportelli!