Buoni fruttiferi o conto deposito: i consigli degli esperti

450

Buoni fruttiferi e conto deposito: come è meglio investire i tuoi risparmi? In realtà sono entrambi metodi convenienti e sicuri, però vediamo insieme il motivo per cui è così.

Investire: in Italia c’è insicurezza generale

In questo periodo storico della nostra economia e soprattutto della nostra vita, molti italiani tendono a sentirsi insicuri a causa delle incertezze finanziarie che girano un po’ per tutti in diverse misure. E allora si inizia a parlare di investimenti.

Cosa è meglio fare dunque per investire il proprio denaro mettendo al sicuro i nostri risparmi?

Qual è il metodo giusto per investirli? Beh, giocare in borsa a volte sembra essere un buon investimento. Ma è sempre il settore degli acquisti immobiliari quello che rende di più.

Conto deposito e buoni fruttiferi

Ma adesso parliamo di mettere i nostri soldi da parte. Tra buoni fruttiferi e conto deposito qual è la scelta migliore da fare?

Prima di ogni cosa c’è da dire che entrambi questi metodi sono sicuri e discreti, ed entrambi consentono di recuperare il proprio denaro nel momento in cui ne abbiamo bisogno.

I buoni fruttiferi postali, infatti, sono garantiti dalla Cassa Depositi e Prestiti, mentre il conto deposito invece è sotto la giurisdizione della FIDT. Quindi, in qualsiasi modo avessimo intenzione di conservare il nostro denaro, bisogna sapere che queste sono le scelte più sicure, infatti è comunque oggi uno dei metodi preferiti di risparmio e conservazione di denaro da parte anche dei risparmiatori italiani più navigati!

Che differenze ci sono

Allora cosa rende buoni fruttiferi e conto deposito diversi? Per quanto concernono gli interessi e guadagni, la questione cambia molto in base all’utilizzo che abbiamo intenzione di fare dei nostri guadagni.

Partiamo dai buoni fruttiferi postali, i quali rendimenti possono iniziare a fruttare (da qui il nome) solo dopo un certo lasso di tempo. Prendiamo, ad esempio, dei buoni fruttiferi che fruttani a 6 anni per cui primi interessi maturano già al termine del primo triennio.

E per i conti deposito?

Per quest’altra forma, invece, gli interessi maturano dal primo momento per ogni giorno, ma l’accredito sui conti deve succedere entro un certo periodo di tempo.

I buoni fruttiferi postali, inoltre, possono essere sottoscritti a favore di chi vogliamo, anche dei minori. In questo caso, però, i buoni saranno rimborsabili quando il minorenne avrà raggiunto la maggiore età.

Chi può darci un’opinione valida

Sono moltissime le guide che è possibile trovare online riguardo le differenti possibilità che gli istituti di credito offrono ai propri clienti: tra tutte, quelle più in vista gestite dalle solite banche – sempre prime nel venire incontro ai nuovi correntisti – : CheBanca, Credit-Agricole e ING Direct.

In Italia, dove la crisi è sovrana, l’obiettivo è risparmiare prima ancora che investire e a tal proposito, ad esempio, una buona opinione su carte, conti e investimenti bancari viene dal sito Esperto Del Risparmio attraverso una rassegna di differenti opportunità di deposito dei propri risparmi su differenti tipologie di conti.

L’ipotesi più valida, oltre a quella di reperire informazioni meritevoli in giro per il web, è quella di affidarsi a un consulente che conosca la nostra storia creditizia e sappia fornirci gli spunti migliori per tenere al sicuro i nostri fondi: non essere avventati è must in questo campo e un piccolo errore può compromettere anni di sacrifici.