I principali bonus fiscali per la casa del 2020

113

Con la Legge di Bilancio 2020 sono stati confermati diversi programmi di incentivi fiscali per la casa, molti dei quali saranno validi fino al 31 dicembre dell’anno in corso. Sono previste ad esempio agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie, gli interventi di riqualificazione energetica, il rinnovamento delle facciate, oppure l’acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Per ottenere gli sgravi è indispensabile usare mezzi di pagamento tracciabili, come carte di credito o bonifici bancari, seguire le indicazioni fornite dell’Agenzia delle Entrate e rispettare i termini forniti dalle normative di legge. Vediamo quali sono i principali bonus fiscali 2020, proposti per abitazioni residenziali private ed edifici condominiali.

Bonus Ristrutturazioni 2020

Uno degli incentivi fiscali più apprezzati e interessanti per la casa è il Bonus Ristrutturazioni 2020. Si tratta di una detrazione Irpef fino al 50% con un valore massimo di 96 mila euro, valida per interventi di riqualificazione energetica dell’immobile, manutenzione ordinaria e straordinaria.

Gli sgravi sono rivolti sia ai proprietari delle abitazioni che ai condomini, con ripartizione in dieci quote annuali del rimborso. In questo modo è possibile usufruire di agevolazioni economiche per gli ascensori in casa, dotando l’immobile di un sistema di trasporto a basso impatto ambientale, oppure di lavori di restauro, rifacimento dei pavimenti e impermeabilizzazione.

Bonus Mobili 2020

Fino al 31 dicembre 2020 sarà possibile approfittare del Bonus Mobili 2020, un programma di agevolazioni fiscali per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici di classe A+. La misura è quella della detrazione Irpef fino al 50%, con una soglia massima di 10 mila euro, tuttavia sono previste alcune limitazioni.

Gli sgravi, infatti, sono concessi soltanto se l’acquisto avviene all’interno di un intervento di ristrutturazione edilizia, quindi non è possibile accedere a questo beneficio fiscale in maniera indipendente. Il provvedimento è valido per mobili ed elettrodomestici nuovi, il cui pagamento è effettuato con mezzi tracciabili come carte di credito o bonifico bancario.

Ecobonus 2020

Anche per il biennio 2020/2021 è stato confermato l’Ecobonus 2020, con una serie di incentivi fiscali rivolti al miglioramento dell’efficienza energetica degli immobili. L’indicazione riguarda una detrazione Irpef fino al 65%, con uno sgravio che può scendere fino al 50% a seconda del livello di riqualificazione energetica.

Per quanto concerne i massimali di spesa sono previsti diverse soglie, fino a 100 euro per i lavori che interessano edifici già esistenti, fino a 60 mila euro per interventi agli infissi, alle pareti oppure per l’installazione di impianti fotovoltaici. Sono inclusi sgravi fiscali fino 30 mila euro, in questo caso rivolti alla sostituzione dei sistemi di condizionamento e climatizzazione ad alta efficienza energetica.

Bonus Verde 2020

Per la riqualificazione delle aree esterne, coma giardini, terrazze e recinzioni, è possibile usufruire del Bonus Verde 2020. Questo programma prevede agevolazioni fiscali fino a 1.800 euro, con una detrazione Irpef del 36% e un sistema di rimborsi suddiviso in 10 quote annuali, tramite presentazione delle spese documentate.

Sono compresi negli interventi coperti dagli incentivi la fornitura di piante, la realizzazione di recinzioni di contenimento, la costruzione di vialetti e aiuole. Inoltre possono ottenere i benefici fiscali anche i lavori su balconi e terrazzi purché contraddistinti da un progetto innovativo e rivolto alla tutela del verde o al miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio.

Sismabonus 2020

Introdotto per la prima volta con la Legge di Bilancio 2017, il Sismabonus 2020 sarà valido per gli interventi realizzati fino al 31 dicembre 2021. Nel dettaglio il provvedimento è rivolto alle zone a rischio sismico, per ricevere una detrazione Irpef fino al 70% su lavori che consentono di incrementare la classe di rischio dell’immobile.

Aumentando di due classi la valutazione dell’edificio, lo sgravio può arrivare fino all’80%, con deduzioni anche per i condomini comprese tra il 75 e l’85%. Punto focale è la classificazione sismica dell’abitazione, mentre sono incluse tutte le opere di sicurezza statica, purché l’unità residenziale si trovi all’interno delle zone sismiche 1, 2 e 3 (rischio sismico basso, medio e alto).

Bonus Facciate 2020

Un’agevolazione fiscale molto interessante, rivolta soprattutto ai condomini e alle ville, è il Bonus Facciate 2020. Inserito nella Legge di Bilancio 2020, questo provvedimento permette di ottenere una detrazione Irpef del 90%, valida per gli interventi di ristrutturazione delle facciate esterne degli edifici.

Gli incentivi non si applicano agli impianti, oppure agli immobili situati in zone a basso indice di urbanizzazione, tuttavia è richiedibile anche dai lavoratori autonomi titolari di partita IVA e alle persone che ricevono un reddito d’impresa. In particolare sono ammesse opere di riqualificazione, recupero e restauro delle facciate, eseguiti entro il 31 dicembre 2020.