Truffe subito.it: che informazioni si possono trovare su questo sito?

112

Ogni giorno, tramite internet, compaiono davanti allo schermo del proprio computer, tablet o cellulare qualunque altro dispositivo varie offerte, tramite e-mail, social, etc. Alcune sono innocue pubblicità, altre invece possono risultare delle vere e proprie truffe. Per queste ultime, ci sono dei siti come subito.it che possono aiutare a smascherarle. Per saperne di più, si può continuare a leggere questa pagina.

L’assistenza del sito

Sul sito subito.it è possibile rivolgersi all’assistenza e per la precisione alla sezione “Stop alle truffe” e a sua volta questa fornisce informazioni per casi di:

  • Phishing, ed indica come riconoscerlo e difendersi da esso;
  • riconoscere i buoni affari, trovando informazioni sull’inserzionista;
  • telefonate, e-mail ed sms sospetti, che possono essere alla fonte di diversi tipi di raggiro, soprattutto se si richiedono dati personali e/o bancari;
  • scegliere case vacanze, ed è importante assicurarsi che siano vere le informazioni su di esse, analizzando bene le foto e le informazioni su chi le affitta;
  • metodi di pagamento non tracciati, anche per piccole somme;
  • truffe all’estero, le cui inserzioni sono scritte spesso con un italiano scadente e si richiede un contatto alternativo a quello fornito dal sito in cui si cercano opportunità.

Questa pagina si occupa principalmente delle informazioni inerenti agli investimenti che propone il sito, ma i consigli indicati sono utili anche per altri siti web.

Altri consigli per evitare le truffe

I modi per evitare le truffe online, comunque, sono disponibili presso varie pagine e anche sugli stessi siti in cui trovare prodotti o possibilità di guadagno. I modi per difendersi, ovviamente, cambiano a seconda della truffa.

Ad esempio, se arriva un e-mail o un sms che informa che ci sono problemi con la propria banca e che bisogna cliccare sul link indicare, è bene non farlo e rivolgersi direttamente al proprio istituto di credito, e lo stesso vale per i messaggi che sembrano inviati dai siti di e-commerce presso i quali si ha un account.

Una cosa da non fare è fornire i propri dati sensibili e password o credenziali, in quanto nessuna banca o azienda seria li chiederebbe. E’ bene, inoltre, cambiare periodicamente le proprie password su siti dove si acquista o si fanno investimento. Non bisogna certo dimenticare anche di installare dei buoni antivirus, in modo da evitare di entrare in pagine sospette.

Quando si acquista online è bene controllare i metodi di pagamento, i tempi di consegna e le condizioni di vendita, e nel caso ci siano dei sospetti su delle truffe è bene fare ricorso all’autorità giudiziaria.