Cosa significa fare trading sui CFD?

280

Ne hai già sentito parlare ma non sai esattamente di che cosa si tratta?

Parliamo evidentemente del trading sui CFD, una modalità di investimento che ti permette di prendere posizione su migliaia di strumenti finanziari… senza possederli. Ma come funziona?

Cos’è il trading con i CFD?

In questa breve introduzione al trading CFD, ricordiamo innanzitutto come il trading con i CFD (contratti per differenza) sia sempre più popolare tra gli investitori esperti e tra quelli neofiti, grazie alla disponibilità di tale trading sulla maggior parte delle piattaforme di trading online. Si tratta ad ogni modo di una strategia di trading potenzialmente ad alto rischio, e che dunque dovrebbe essere fronteggiata con cautela.

Andare long e short con i CFD

Tra le motivazioni che hanno spinto tantissimi investitori a “scommettere” sul trading con i CFD, c’è sicuramente il fatto che si tratta di un tipo di investimento in derivati in cui il trader può speculare con grande facilità sia sull’aumento che sulla diminuzione dei prezzi degli asset. Inoltre, si può negoziare una vasta gamma di asset, tra cui azioni, cambi, materie prime come oro e argento, e indici.

Insomma, la differenza tra il trading con i CFD e l’acquisto/vendita di un asset è che nel primo caso non si investe nell’attività effettiva. Invece di comprare o vendere oro fisico, ad esempio, si speculerà semplicemente sul fatto che il prezzo dell’oro salirà o scenderà!

Come fare trading CFD online

Se sei consapevole dei rischi e vuoi iniziare a fare trading online sui CFD, ti basta aprire un conto di trading presso una delle migliori piattaforme online. Effettua dunque un primo versamento sul conto e poi indica al broker quanto vuoi investire e se vuoi andare long (ritieni che il prezzo dell’asset salirà) o short (ritieni che il prezzo dell’asset scenderà).

Quali sono i rischi del trading con i CFD

L’attrattiva del trading con i CFD non è finita con quanto sopra abbiamo riepilogato. È ad esempio sufficiente rammentare che con questi strumenti è possibile investire solo una piccola percentuale del valore totale dell’asset scambiato grazie all’utilizzo – entro i limiti stabiliti dalle normative EMSA – della leva finanziaria, una sorta di “moltiplicatore” degli effetti di prezzo dell’asset, che dovrai utilizzare con particolare cautela: così come la leva è in grado di incrementare i tuoi profitti, così è in grado di ingigantire le tue perdite!

Conclusioni

Insomma, da quanto sopra dovrebbe emergere in maniera piuttosto palese come il trading con i CFD possa essere una strategia molto utile – e redditizia – se stai cercando di investire in azioni e altri asset sottostanti in maniera più economica, approfittando di tutti i vantaggi che i CFD rappresentano, specialmente se il mercato è volatile.

Ti invitiamo dunque a valutare se questa modalità di investimento faccia al caso tuo curando la tua formazione e testando la tua strategia con l’utilizzo di un conto demo che possa permetterti di comprendere pienamente come funzionano questi strumenti finanziari e quali siano le conseguenze del loro impiego.