Prestito per aprire un’attività commerciale: come si ottiene? Qual è l’iter da seguire?

183

Non sono in pochi a volere un’attività commerciale propria, ma come si può aprire un negozio o qualche altro esercizio? A chi bisogna rivolgersi? Per saperne di più si può continuare a leggere questa pagina.

I vari tipi di prestito

Ci sono diversi tipi di prestito, per chi vuole aprire un’attività commerciale, e si possono distinguere per:

  • prestiti per un’attività commerciale, quelli che numerose banche ed altri istituti di credito forniscono ai giovani imprenditori, sotto i trentacinque anni, e si ottiene presentando un progetto;
  • prestiti d’onore, per i neo laureati, e sono i generi di prestito di cui una parte andrà a fondo perduto, mentre il resto andrà restituito in rate, con tassi agevolati;
  • finanziamenti bancari, che generalmente hanno un tasso pari a zero e sono facili da ottenere per chi ha meno di trentacinque anni;
  • finanziamenti statali, ovvero i fondi regionali ed europei, destinati sempre ai giovani imprenditori, che si presentano come un credito agevolato.

Prima di richiedere uno qualunque di questi prestiti, è bene pianificare un business plan, in cui stimare il fattura, i costi, i metodi di pagamenti e come si intende investire il denaro.

Le caratteristiche delle startup

In economia, con il termine “startup” si intende una società di capitale o un’organizzazione temporanea (la cui durata non dovrebbe superare i cinque anni), che mira a diventare più grande. Inizialmente, era un termine che si applicava alle aziende tecnologiche, ma oggi diverse attività possono iniziare come startup.

Queste startup si caratterizzano perché hanno un finanziamento massimo di 100,000 euro e che questo duri per meno di sette anni, e il denaro in prestito può essere reso in rate semestrali, trimestrali o mensili, e il loro tasso è piuttosto variabile. Per richiedere un tale prestito, bisogna essere iscritti alla CCIAA da non oltre ventuno mesi, che ci sia un rilascio di garanzia Confidi pari al 60% e si possa dimostrare di poter apportare dei propri mezzi almeno del 30 %.

Come si ottiene un prestito

Per ottenere un prestito, bisogna considerare le condizioni dell’istituto di credito o della banca a cui ci si rivolge. Per una tale richiesta, oltre al progetto dell’attività, è necessario fornire ai finanziatori, oltre ai propri documenti d’identità e la residenza, la propria situazione di solvibilità, un eventuale richiesta di un garante e un documento che attesti il controllo dell’iscrizione al CRIF (Centrale rischi finanziari).

Chi non ha garanzie, come una busta paga, come le casalinghe, gli studenti senza lavoro o i professionisti autonomi, può comunque richiedere dei prestiti, a seconda delle banche e di quale categoria di imprenditori a cui si appartiene. Gli studenti, per esempio, possono richiedere il prestito d’onore a cui si è accennato prima.

Ci si dovrebbe informare anche su eventuali bonus. Come quello per aprire delle librerie, introdotto nel 2018 dalla Legge di Bilancio, che poteva ammontare ad un massimo di ventimila euro.