Le valutazioni da fare prima di investire nella seconda casa al mare

20

Gran parte degli italiani, da sempre, preferisce investire il proprio denaro negli immobili, motivo per il quale in molti hanno deciso di acquistare, nel tempo, una seconda casa al mare, oppure si ritrovano incerti sull’idea di fare questo tipo di investimento. Nonostante la crisi economica, il mercato immobiliare vanta una ripresa da due anni a questa parte, ciò ha favorito gli acquisti di una seconda casa, e gli ultimi dati sul mercato immobiliare parlano chiaro: +23% di acquisti di seconde case, in particolar modo in aree geografiche costiere come le isole.

Comprare una seconda casa al mare conviene?

A supportare l’acquisto di una seconda casa al mare è soprattutto la possibilità, attuale, di sottoscrivere mutui a interessi convenienti. Come ben sappiamo, molti immobili, dal 1997 al 2017, hanno subito una forte svalutazione, pari anche al 15% rispetto al valore iniziale. Proprio per tale motivo, sono in molti i proprietari di immobili a rimettere sul mercato immobili che possono essere acquistati a prezzi molto interessanti. L’acquisto di una seconda casa al mare comporta una serie di valutazioni fondamentali da fare, come la località turistica, la tassazione e le spese di manutenzione necessarie.

Al momento di decidere se acquistare un secondo immobile, bisogna tenere conto della maggiorazione tassativa prevista dalle attuali leggi in vigore. In fase di acquisto la tassazione si attesta difatti al 9% del valore complessivo dell’immobile, mentre le imposte catastali e ipotecarie sono fissate a 50 euro ognuna.

Dove conviene comprare una seconda casa al mare? L’esempio di Isola del Giglio

Come già accennato, i dati elaborati dall’Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico confermano un aumento delle compravendite soprattutto nelle isole italiane. Nelle località marine la variazione dei prezzi di mercato evidenzia un calo verso le zone costiere della Puglia, mentre tra le isole spicca soprattutto l’Isola del Giglio. La maggior parte degli acquirenti che sceglie di investire in un immobile all’Isola del Giglio opta per quest’isola soprattutto per l’estensione ridotta del territorio, dove numerosi turisti trovano rifugio e riparo dai ritmi frenetici della città.

L’Isola del Giglio presenta un florido mercato immobiliare, il clima il giusto territorio per evadere dalle grandi città, adattandosi alle famiglie ma anche alle singole coppie, e sui siti di agenzie del territorio è possibile valutare un’ampia gamma di offerte, dagli appartamenti in vendita, in affitto, alle case più inclini a qualsiasi esigenza personale.

In particolare Ettore Olivieri, titolare di Isola del Giglio Immobiliare, una delle principali agenzie dell’isola situata quasi a ridosso del punto di sbarco dei traghetti, afferma che questo territorio possiede numerosi punti di forza che sembrano far propendere verso la scelta di acquisto immobiliare.

La possibilità che si offre al turista di trascorrere delle giornate rilassanti in un luogo lontano dai rumori e dal caos delle grandi città, la vicinanza del mare, il gran numero di spiagge (sia quelle più grandi e munite di confort per i turisti, sia le piccole calette lontane da tutti) con acque limpide e cristalline, i sentieri che offrono scorci panoramici di rara bellezza e consentono di realizzare soddisfacenti attività di trekking, la possibilità di ritrovarsi a vivere in un luogo in cui la concezione del tempo è decisamente più lenta rispetto a quella a cui siamo abituati, rappresentano punti di forza che spingono. Tutti questi sono elementi di cui tenere conto e che spingono molte persone provenienti dalle grandi città a scegliere di acquistare una seconda casa al mare presso territori come quello di Isola del Giglio.

L’Isola del Giglio si trova all’interno della provincia di Grosseto e comprende anche l’Isola di Giannutri a pochi chilometri a nord-est. Le località principali dal punto di vista immobiliare sono il Giglio Porto, luogo di attracco dei traghetti e delle principali imbarcazioni, Giglio Campese e Cannelle, rinomate soprattutto per la presenza delle spiagge.

Dunque, l’acquisto di una seconda casa al mare può rivelarsi a tutti gli effetti una vera e propria forma di investimento. Una volta valutate le tasse per la sottoscrizione della compravendita e le spese per il mantenimento dell’immobile si potrà decidere il suo utilizzo finale. Oltre alle proprie vacanze, si può prendere in considerazione l’idea di affittare ai turisti la struttura, cercando di rientrare dei costi sostenuti. La seconda casa, nonostante le oscillazioni del mercato immobiliare, rappresenta una forma di investimento per il futuro, preferendo in questo caso un’area marina e turistica sempre ricercata come l’Isola del Giglio.