Fondo Cometa: che cos’è? Quali sono i suoi vantaggi e svantaggi?

301

Il Fondo Cometa è un fondo pensionistico o un fondo pensionistico negoziabile rivolto ai Metalmeccanici. Per saperne di più sulle sue caratteristiche, su come richiederlo e quali sono i suoi pro e contro, si può proseguire nella lettura.

Come funziona il fondo e come richiederlo

Il Fondo Cometa è un Fondo Nazionale Pensione Complementare, per i lavoratori che operano nel campo della metalmeccanica, dell’installazione di impianti, e di lavoratori del settore orafo. Esso è stato istituito nel 1997, grazie a un accorso tra imprese e lavoratori, appartenenti a organizzazione come la Federmeccanica e il Fim, per assicurare ai lavoratori una pensione più alta, da sommare a quella dell’INPS.

Questo fondo è:

  • senza fini di lucro, perché versare le quote e gestirle va a vantaggio degli associati;
  • con contributi definitivi, stabiliti dalla contrattazione collettiva;
  • con capitalizzazione individuale, perché ogni lavoratore ha una posizione propria;
  • con adesione volontaria, perché i lavoratori possono decidere se aderirvi o mantenere il proprio Tfr all’interno dell’azienda.

Attualmente, sono circa 400,000 gli iscritti a questo fondo pensione. Per richiederlo, basta compilare un modo, disponibile in formato pdf sul sito ufficiale del fondo, ed inviarlo agli indirizzi indicati. Dopo otto anni dall’iscrizione, è possibile richiedere anche un’anticipazione del 30 % sul fondo, sempre richiedendolo con un modulo e, in caso della dipartita di un lavoratore, i suoi eredi possono riscattare il fondo, producendo una serie di documenti.

I suoi vantaggi e svantaggi

E’ bene, prima di aderire a un fondo come questo, valutare tutti i pro e i contro. Tra i suoi vantaggi si possono includere:

  • i bassi costi, rispetto ad altri fondi pensione;
  • dei benefici fiscali, visto che i contributi possono essere anche detratti, fino alla cifra massima di 5164,57 euro.

Invece tra gli svantaggi, si possono citare:

  • i rendimenti contenuti, e perciò bisogna valutarne il reddito;
  • un basso tasso interesse, dovuto alla sicurezza;
  • i contributi sono congelati, fino a che non si raggiungono i requisiti per andare in pensione.

Analizzando i pro e i contro viene da chiedersi se aderire a questo fondo sia vantaggioso o no, ma questo può deciderlo solo il lavoratore. Se decide di aderirvi, i suoi versamenti sono comunque tutelati.