Mps borsa: conviene investire? Dove trovare l’andamento delle azioni?

180

La Banca Monte dei Paschi di Siena, nota anche come Mps, è una degli istituti di credito più “storici” del nostro Paese, in quanto la sua fondazione risale alla seconda metà del Quattrocento. Ma conviene investire in questa banca? Dove si può controllare l’andamento delle sue azioni e le analisi di mercato?

La banca

L’Mps venne fondata nel 1472 dai magistrati della Repubblica di Siena ed è attiva ancora oggi, nonostante i cambiamenti nella sua gestione e gli scandali avvenuti nel corso dei secoli.

Oggi il suo capitale sociale è pari a 10,328,618,260,14 euro e le sue azioni ordinarie arrivano a 1,140,290,072. Nel 2017, questo capitale sociale era del 53,4 % del Ministero dell’economia e delle finanze, mentre il resto era dei titolari delle obbligazioni e il 2 % rimase ai vecchi azionisti, ma in seguito, alla fine del suddetto anno, la quota dello Stato salì al 68,2 %, mentre i piccoli risparmiatori, che possedevano dei bond subordinati, accettando la proposta del Mps, convertirono le loro azioni in cambio di bond senior. Attualmente, il secondo azionista più importante è la Generali, con il 4,319 % delle quote.

Oltre al patrimonio azionario, l’Mps vanta anche una collezione artistica, che comprende opere commissionate dallo stesso istituto, al momento della sua fondazione, come le opere di Stefano di Giovanni, detto il Sassetta, Benedetto Maiano, Pietro Lorenzetti, e nel corso degli anni questa collezione è cresciuta, radunando lavori di altri artisti. Una delle opere da citare è sicuramente l’affresco di Benvenuto di Giovanni, ordinata nel 1481, ovvero la Madonna della Misericordia.

Conviene investire in azioni Mps?

Chi ricorda lo scandalo avvenuto nel 2013, in cui in un’inchiesta vennero imputati undici persone fra i manager e gli ex vertifici della Mps, accusati di reato fiscale, sicuramente si chiederà se conviene oppure investire nelle azioni dell’Mps. Nel novembre del 2016, infatti, intervenne la Consob per verificare la situazione della banca, e non ne approvò il comportamento, che contattava i possessori di obbligazioni per altri investimenti, e quindi il tutto rimase bloccato, in quanto l’Mps non aveva il profilo di rischio per sottoscrivere delle azioni.

Attualmente, con lo Stato che ha acquistato più della metà del capitale sociale, la banca sembra più stabile, ma non si può dire lo stesso delle quotazioni delle sue azioni, in quanto la sua società risente delle operazioni di risanamento e di rilancio. Le quotazioni sono, comunque, in risalita, e alla fine del 2020, a Londra, vi è stato un incontro della comunità finanziaria per rassicurare gli investitori internazionali dell’istituto.

Se si vuole investire in queste azioni, in pratica, è bene consultare un esperto del settore, ma è difficile che un broker consigli, almeno a dei piccoli risparmiatori, di investire in questa banca. Chi vuole controllare il suo andamento, può farlo tramite il sito della Borsa italiana o altre pagine web che trattano di economia.