ETF sostenibilità: quali sono gli investimenti più responsabili? Come investire in essi?

53

Si parla sempre di più di investire in modo sostenibile, e quindi è possibile optare per gli ETF ESG, acronimo che sta per Environmental, Social and Governance, i tre fattori centrali che indicano la misurazione della sostenibilità di un investimento. Ma che caratteristiche hanno questi fondi? Come investirvi?

Come funzionano gli ETF ESG

Gli ETF sostenibili includono società che rispettano specifici criteri di sostenibilità sociale o ambientale, e da tale elenco sono escluse, quindi, quelle che operano in settori come il tabacco, l’alcool, il gioco d’azzardo, la pornografia, le armi, l’energia nucleare, etc. Rientrano nella categoria, invece, le società che operano in settori come la riduzione dell’inquinamento, la lotta agli sprechi, il passaggio ad energie rinnovabili, la lotta alla deforestazione, il rispetto dei diritti umani, la promozione delle diversità, e molte altre.

Alle società ESG, nel mercato azioni, viene poi assegnato un determinato punteggio, e questo ne identifica l’importanza e quindi le società con un maggior punteggio sono, di conseguenza, le più sostenibili.

Quali sono i migliori fondi e come investire

Chi desidera investire in questi ETF, possono rivolgersi a vari istituti di credito e trading online, ma chi è più inesperto dovrebbe in ogni caso affidarsi a un broker, per individuare la società che rientra nei criteri ESG. Oltre al suo punteggio, si deve valutare anche il confronto periodo tra gestori ed aziende e in che modo vengono valutate le ditte che partecipano a tali fondi.

Nella borsa italiana, tra i migliori di questi fondi sostenibili, si possono citare:

  • Amundi Index MSCI Europe SRI UCITS ETF DR, dalla dimensione di 275 milioni di euro ed un prezzo di 58 euro, replica titoli azionari europei alti nel campo della sostenibilità;
  • UBS ETF (LU) MSCI EMU Socially Responsible UCITS ETF (EUR) A-dis, con un fondo a replica totale e retribuzione, ha un costo di 105 euro e una dimensione di 949 milioni di euro;
  • BNP Paribas Easy MSCI Europe Small Caps, in cui non si comprano i titoli dell’indice, ma si stipulano contratti derivati, noti come SWAP, con una banca. Il loro prezzo è di 258 euro e hanno una dimensione pari a 100 milioni di euro;
  • l’Indice Solactive Candriam Factors Sustainable Europe Equity, dal prezzo di 34 euro e dalle dimensioni di 259 milioni di euro;
  • l’Indice MSCI Europe SRI Select Reduced Fossil Fuels, che replica i titoli azioni europei di società che operano nel settore ambientali, ha un prezzo di 62 euro circa e una dimensione di oltre 3 milioni di euro;
  • l’Indice Solactive Core Developed Markets Europe ex UK Large & Mid Cap, che esclude categoricamente società impegnate nell’estrazione del carbone, nella produzione di armi o che hanno violato uno dei principi Global Compact delle Nazioni Unite per un periodo superiore a tre anni. Il suo prezzo è di circa 14 euro e le dimensioni di 119 milioni di euro.